Dal "Quotidiano del Sud Vibo Valentia" 7 febbraio 2019

 

 

Dalla "Gazzetta del sud" 3 febbraio 2019

 

 

 

 

 

 

PonentevazzinoNews
Varazze, 25 novembre 2018

Da Palmi a Varazze sulle note di Francesco Cilea

con Maria Beatrice Zoccali

Dal mare di Calabria a quello Ligure, da Palmi a Varazze sulle note immortali di Francesco Cilea, nell’anniversario delle scomparsa dell’illustre compositore, cittadino onorario di Varazze, sabato 24 novembre Villa Cilea ha vissuto un commovente pomeriggio di musica e di raffinatezza con il felice ritorno della pianista Maria Beatrice Zoccali, già nota e molto apprezzata a Varazze per sue precedenti e felici esibizioni sui tasti del pianoforte del suo illustre conterraneo.

Solare, nel sorriso di una spiccata e sensibile personalità, Maria Beatrice Zoccali ha portato l’uditorio in una fantastica cavalcata di temi musicali che ci hanno riportato il Cilea della prima gioventù, in un cammino poi proseguito con arie che ne hanno confermato la preparazione e il gusto già preannuncianti i futuri trionfi lirici.

Dal mare di Palmi a quello di Varazze, dicevamo, come ali di un gabbiano che hanno ricongiunto due luoghi cari a Francesco Cilea, entrambi forgiatori di un genio che le mani di Maria Beatrice Zoccali ci hanno restituito in un volo oltre lo spazio e il tempo, a riprova dell’immortalità della musica, fedele compagna della nostra ineguagliabile e spesso sofferta vita.

Il concerto è stato seguito da un pubblico scelto e competente, alla presenza del Sindaco di Varazze Alessandro Bozzano, dell’Assessore alla Cultura Mariangela Calcagno, dell’ex Sindaco Giovanni Delfino, il Comandante dei Vigili Urbani Mauro Vercesi, la Presidente del Coro Polifonico Beato Jacopo da Varagine Tina Berio, nella signorile accoglienza del responsabile SIAE Oscar Prudente.

Un momento di particolare emozione ha accompagnato la lettura, da parte di Mariangela Calcagno, di una poesia di Caterina Delfino dedicata alla Zoccali in occasione di un precedente concerto che la pianista ha tenuto in questa stessa sala nel 2012, alla quale ci permettiamo aggiungerne un’altra, nata tra un applauso e un altro della magnifica esibizione dell’artista di Palmi, sabato 24 novembre 2018.

 

Omaggio a Maria Beatrice Zoccali da parte di Mario Traversi, giornalista, storico e poeta varazzino:

Messaggio di arte e di bellezza

Voli di gabbiani le sue mani
a portare messaggi di arte e di bellezza
in questo mare
che segnò magici incontri
d’amore e di note
di Francesco e di Rosa
ancora sussurrati tra le siepi e i fiori
di un giardino che profuma di un amore
al di là del tempo. 
Suona Maria Beatrice Zoccali
e ricompone arabeschi di ricordi
che fluttuano negli spazi dell’amata casa
oggi rinata sulle note di un pianoforte
con tracce ancor d’illuminati pentagrammi.
Grazie, Beatrice.
Mancava forse un Dante
ma il Paradiso era lì,
con il sottofondo
della risacca del vicino mare…

Fonte: Mario Traversi

 

 

 

 

 

 

16 luglio 2018

Grande successo per Maria Beatrice Zoccali in concerto, evento promosso dal centro studi Filosofici "Universo Andropolis"

Dinanzi ad un folto pubblico attento, competente e con la massima attenzione si è tenuto il concerto della grande pianista di fama internazionale Maria Beatrice Zoccali. L'evento si è caratterizzato, oltre che per grandi diti dell'artista, anche dell'incantevole scenario offerto dai Giardini di Palazzo Sersale nel centro storico di Cerisano, ridente paesino della cintura cosentina. Uno scenario che ben si prestava alla qualità dell'evento organizzato e fortemente voluto dal Centro di Solidarietà Umana e di Studi Filosofici, Storici ed Esoterci, "Universo Andropolis".

Il concerto si è snodato su due parti. Nella prima parte la pianista Maria Betarice Zoccali ha deliziato i presenti interpretando in modo impeccabile il Grande R. Schumann con "Carnaval op.9". La seconda parte con la musiche di F. Chopin con "Scherzo n.2, Polacca op, 26 n.1 e Polacca op. 53. Una interpretazione degna della fama che precede la grande pianista Maria Beatrice Zoccali, originaria di Palmi e grande conoscitrice e studiosa delle opere del grande Francesco Cilea, anch'esso originario di Plami.

Immensa la carriera artistica di Maria Beatrice Zoccali. Solo per citarne alcuni momenti l'artista calabrese, fra i tanti concerti tenuti in tutto il mondo, ha suonato anche al Today Art Museum e all'Istituto Italiano di Cultura di Pechino. Inoltre Maria Beatrice Zoccali ha anche inciso un Cd per intenditori "Il Pianismo di Francesco Cilea - Rarità per collezionisti" presso gli studi della Belmusic di Milano. Diversi i corsi di perfezionamento pianistico tenuti dall'artista in numerose università musicali. Una serata di grande prestigio e di grande musica. una serata indimenticabile in uno scenario perfettamente incastonato ad una musica sublime e magistralmente interpretata.

Redazione

 

 

16 luglio 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla "Gazzetta del sud" 7 agosto 2016

Da "Il quotidiano" 3 agosto 2016

 

 

Da "Il quotidiano" 4 agosto 2015

 

 

Da "Il quotidiano" 20 maggio 2015

 

 

Da "Il quotidiano" 24 agosto 2014

 

 

Dal "Corriere della Piana" febbraio 2014

 

 

Da "La Piana" gennaio 2014

 

 

Dal "Corriere della piana" luglio 2013

 

 

Da "L'ora della Locride" del 18 aprile 2013

 

 

Da "La Piana" aprile 2013

 

 


 

Dalla "Gazzetta del sud" del 3 giugno 2012

 

 

Da "L'ora della Locride" del 31 maggio 2012

 

 

Dalla "Gazzetta del sud" del 28 maggio 2012

 

 

Grande successo per il concerto dedicato alle musiche per pianoforte del compositore di Palmi in occasione della inaugurazione di Villa Cilea



Un concerto per Cilea calabrese elegante, musicista e uomo.

Ho incontrato la figura di Francesco Cilea, calabrese come me, a Varazze quando venni a Genova, nel 1962, per frequentare l'Università. Un Lavarello di Sestri Levante, oggi Sindaco di quella Cittadina rivierasca, mio amico mi parlò di una sua parente andata sposa a Cilea e che con lui visse nella padronale Villa di Varazze, oggi riportata al suo splendore grazie ad un profondo restauro promosso dalla S.I.A.E. cui è andato il lascito Cilea/Lavarello.
Ho ritrovato Cilea il 29 aprile scorso in occasione della inaugurazione dell'apertura della Villa con un concerto di Maria Beatrice Zoccali, palmese come Cilea interamente dedicato alle musiche per pianoforte di Francesco Cilea e una prolusione sulla vita e sulla passione per l'opera del grande compositore di Palmi.

Sono stati questi gli elementi della manifestazione "Francesco Cilea storia di un calabrese elegante musicista e uomo".
Prima del concerto, ho voluto illustrare l'iniziativa e leggere un mio componimento poetico scritto espressamente per l'occasione.
Parole di soddisfazione e di encomio per l'associazione sono state profuse dal Sindaco di Varazze Giovanni Delfino, che ha voluto sottolineare quanto è importante, per la crescita culturale di una cittadina, la riapertura al pubblico di Villa Cilea.
L'iniziativa è stata promossa dal Comune di Varazze e dall'Associazione Culturale dei calabresi di Liguria "La Città del Sole" con il patrocinio della S.I.A.E. . In un salone gremito di pubblico attento e appassionato, la Professoressa Zoccali, già docente di liceo, ha eseguito magistralmente alcuni inediti di Cilea con rara maestria, alcuni scritti in età giovanile, all'epoca dei suoi studi presso il Conservatorio "San Pietro alla Maiella" di Napoli.
La pianista Beatrice Zoccali ha, infatti, eseguito brani che fanno parte del suo repertorio ormai consolidato e dedicato al musicista di Palmi. A partire dalla Berceuse op. 20 alle Risonanze Nostalgiche, dal Notturno o. 22 ai Tre Pezzi op. 43. Magistrale l'esecuzione della Zoccali che ha saputo coniugare, con stile, il carattere versatile della musica di Cilea, fatta ora di tinte accese, ora di toni lirici ed eleganti.
Seconda parte del concerto, dedicata, invece, a dieci brani che costituiscono l'Album per la Gioventù e allo Scherzo finale.
Vedendo la Professoressa Zoccali seduta davanti alla tastiera del pianoforte del Maestro, si notava in essa una gioia interiore nell'eseguire lo spartito che prorompeva con una forza musicale altamente espressiva e che ci portava ad immaginare questo nostro concittadino chiuso nel suo studio, preso da malinconia che combatteva componendo una musica che esprimeva, invece, una forza alta e penetrante il cuore. Del resto che cosa sono state l'Arlesiana, l'Adriana e Gloria, le tre creature della sua fantasia e del suo sogno ideale se non l'espressione dello spirito, dell'italianità, della potenza della sua musica? Il concerto di Beatrice Zoccali, la sua magistrale esecuzione ci ha riportati nel cuore una forte emozione trasmettendoci gioia e passione.
La mattinata si è conclusa con una prolungato applauso alla Professoressa Maria Beatrice Zoccali che, preannunciando lo studio di altri dieci inediti brani per pianoforte di Cilea, ha garantito l'impegno di ritornare a Varazze con un nuovo concerto arricchito degli ulteriori brani.
Trascorsa questa giornata con grande successo, inizia il nostro lavoro teso a sviluppare un programma di iniziative e di attività in Villa Cilea, intese a favorire la conoscenza della musica lirica, sinfonica e da camera in generale e quella di Cilea in particolare secondo la lettera e lo spirito del lascito di Rosa Lavarello per perpetuare la memoria del Maestro. Ed è con questo spirito che ho scritto, una notte prima della riapertura di Villa Lavarello/Cilea, questo modesto componimento che dedico a loro e a tutti i calabresi.

Salvatore Ottavio Cosma, presidente l’Associazione la "Città del Sole" calabresi di Liguria.

 

 

 

Da "La Piana" maggio 2012

 

 

 

 

Da "L'ora della Locride" del 26 aprile 2012

 

 

Da "Il quotidiano" del 24 aprile 2012

 

 

 

 


Da
"Calabria ora" del 5 gennaio 2012
 

 

 


Da
"Il quotidiano della Calabria" del 23 novembre 2011
 

 

 

 

 

Da "La Sicilia" del 29 aprile2009

 

 

Da "Jonica" del 4 novembre 2008

 

 


Dalla
"Gazzetta del sud" del 22 aprile 2008
 

 
 

 | Home | Curriculum | Repertorio | Contatti | Album foto | Rassegna stampa | CD: Il pianismo di Francesco Cilea | Poesie | Video | Interviste |